Effetto Seebeck / Resistenza Elettrica

Effetto Seebeck / Resistenza Elettrica

La Termoelettricità descrive la conversione diretta della temperatura gradiente in elettricità e viceversa. L'effetto Seebeck fu scoperto da J. T. Seebeck, un fisico tedesco nel 1821 e descrive la formazione di un campo elettrico ad una temperatura gradiente applicata. Per effetto contrario, l'effetto Peltier produce una temperatura gradiente applicando un flusso di corrente ad una data configurazione. L'efficienza dell'abilità di conversione elettrica e termica è la proprietà del materiale, a seconda della temperatura del coefficiente di Seebeck.

Di fronte al recente riscaldamento globale dovuto all'anidride carbonica ed all'esaurimento dei carboni fossili, i dispositivi a conversione termoelettrica destano interesse per il loro efficace utilizzo contro lo spreco di energia termica. Ma la caratteristica di termoelettricità è molto importante anche nelle applicazioni di raffreddamento utilizzando l'effetto Perlier. 

Per venire incontro a questi pressanti requisiti, sono stati sviluppati particolari dispositivi e strumenti di valutazione per questi materiali. L'unità di misurazione del coefficiente di Seebeck LSR-3  e quello della misurazione della resistività elettrica lavorano con una temperatura che va da -100°C fino a 1500°C.